La Gymnema silvestre per controllare gli zuccheri in eccesso dopo un’estate di bagordi

La Gymnema silvestre per controllare gli zuccheri in eccesso dopo un’estate di bagordi

La Gymnema sylvestre è una pianta rampicante appartenente alla famiglia delle Asclepiadaceae diffusa nelle zone tropicali di Africa, Asia e Australia e da tempo impiegata nella medicina cinese e ayurvedica. La sua funzione principale è quella di riuscire a tenere sotto controllo gli zuccheri (magari dopo un’estate di bagordi!) grazie alla sua azione ipoglicemica. Per quanto la Gymnema sylvestre sia poco conosciuta in Occidente, diversi studi medici hanno dimostrato come essa riesca ad interferire sull’assunzione del glucosio a livello intestinale.

 

Come agisce la Gymnema sylvestre

 

Il principio attivo della Gymnema, l’acido gymnemico, si esplica a due livelli nel nostro organismo. Nel primo, appunto quello intestinale, viene bloccato reversibilmente il recettore per il glucosio. Questo fa sì che, già dopo 60 minuti dalla somministrazione, l’assorbimento degli zuccheri venga ridotto al 50%. Il secondo livello riguarda le papille gustative, dove il legame con il recettore del glucosio produce l’alterazione della percezione del dolce, senza modificare quella del salato e dell’amaro, motivo per cui si ha meno voglia di quel sapore.

 

Modalità d’uso

 

L’estratto di Gymnema, per le proprietà sopra descritte, viene utilizzato nel trattamento del diabete mellito insulino-dipendente di tipo II grazie alla sua capacità di ridurre i livelli plasmatici di glucosio stimolando la secrezione pancreatica di insulina (azione a livello delle cellule beta del pancreas). La funzione della Gymnema si ricava anche dall’etimologia del termine, derivante da “Gur mar“, che tradotto letteralmente dalla lingua Hindù significa “mangia zucchero”.

Nell’antica medicina popolare il consiglio era quello di masticare le foglie della pianta per ridurre i livelli di glucosio nelle urine. Impiegata anche nel trattamento di emorroidi, deficit cardiaci e difetti oculari, la Gymnema silvestre esercita inoltre un’azione antibatterica, diuretica, lassativa e stimolante, ipocolesterolemizzante nonché dimagrante. Solitamente vengono somministrati 500-1000 mg al giorno di estratto secco sotto forma di compresse o capsule, con due assunzioni a metà mattina e metà pomeriggio. La preparazione galenica può essere dispensata senza obbligo di prescrizione come galenico officinale.

 

Tossicità

 

Non sono registrati effetti tossici dopo la somministrazione di Gymnema nelle donne in gravidanza o in allattamento ma in ogni caso è buona norma consultare il proprio medico per determinare le modalità e le dosi d’assunzione. Uno dei rischi maggiori è quello di incorrere in crisi ipoglicemiche quando la Gymnema viene somministrata contemporaneamente con ipoglicemizzanti orali: ecco perché è sempre bene concordare il dosaggio con il proprio medico.